A tre persone su cinque con disturbi della memoria accade di non ritrovare la strada di casa, spesso senza avere la possibilità di contattare i propri cari. L’equilibrio tra indipendenza e sicurezza è delicato. Perdersi comporta stress e rischi, ma con un piano di emergenza si possono abbreviare i tempi di ricerca ed evitare terribili .conseguenze

Il piano di emergenza potrebbe prevedere l’adozione ,di dispositivi di monitoraggio e l’iscrizione a un registro come MedicAlert® Safely Home® oppure al registro delle .persone vulnerabili creato dalla polizia locale o dall

Per quanto riguarda i dispositivi di monitoraggio, esistono pro e contro. Alcune persone ritengono che il dispositivo aumenti la libertà e la sicurezza personale, assicurando una maggiore tranquillità a badanti e a chi assiste persone malate di Alzheimer. Altri possono percepirlo come .un’invasione della privacy L’adozione di un dispositivo di monitoraggio non riduce la necessità di effettuare con frequenza controlli sul comportamento della persona affetta da Alzheimer o da .una forma di demenza

icon

Se vuoi saperne di più su come “Interagire con una persona affetta da demenza che potrebbe essersi persa” consulta uno dei nostri quattro moduli da 15 minuti ciascuno in modalità Imparare Online

Per saperne di più